Vie Ferrate

Vie Ferrate

LE VIE FERRATE: sono un’eredità della Prima Guerra Mondiale. Esse furono costruite dai soldati durante il primo conflitto o addirittura prima per permettere ai combattenti di raggiungere le cime in una maniera più semplice, veloce e sicura.Ecco perché nacquero proprio qui su queste montagne dolomitiche che al tempo delineavanoil  confine tra Impero Austroungarico e Regno d’Italia. Oltre a questi percorsi storici, altre vie attrezzate con ponti, scalette e cavi sono state costruite negli anni, per permettere ai turisti di raggiungere le cime più ripide e rocciose senza dover essere per forza provetti alpinisti.

Nel programma estivo sono inserite ferrate di diversa difficoltà:

Facile

Bepi Zach, Costabella; Roda di Vael, Catinaccio; Gadotti, Vallaccia; Santner, Catinaccio; Gran Cir, Cir.

 Difficoltà media

Rodella; Tridentina, Sella; Piz da Lech, Sella; Schuster, Sassolungo; Masarè, Catinaccio; Trincee, Padon; PicolCir; Eterna, Serauta; Col Ombert; Sasso Rigais, Odle.

Difficile

Mesules, Sella; Tommaselli, Fanis; Piazzetta, Piz Boé/Sella; Cresta Ovest Marmolada.

Molto difficile

Magnifici 4, Maerins; Sci Club 18, Faloria.

Su richiesta altre vie ferrate sono disponibili:

Punta Anna (Tofane), Lipella (Tofane), Alpini (Col de Bos), Alleghesi (Civetta), Averau, Strobl (Pomagagnon), Laurenzi (Molignon), Bolver Lugli, Pale e tante altre…

Abbigliamento richiesto: scarpe trekking, pile, piumino leggero (a seconda delle condizioni climatiche), giacca per la pioggia, berretto, occhiali da sole, guantini da ferrata.

Attrezzatura: set ferrata (imbragatura, lounge ferrata, casco), fornibile dalla guida.

Testo tratto da FASSA GUIDES

 

We use cookies to give you the best online experience. By agreeing you accept the use of cookies in accordance with our cookie policy.